NEWSLETTER  

 Candidatura della Ferrovia retica nel paesaggio culturale  Albula/Bernina per il Patrimonio Mondiale UNESCO 
Le linee ferroviarie dell'Albula e del Bernina costituiscono il cuore della candidatura UNESCO.
La linea dell'Albula è stata completata nel 1903, quella del Bernina nel 1910.
La ferrovia dell'Albula è stata costruita quale classica ferrovia di montagna per treni a vapore. Il suo tracciato e i suoi manufatti costruiti con pietra locale costituiscono l'apice del periodo classico di costruzione di linee ferroviarie.
Oggi la linea del Bernina è unica al mondo: si tratta della trasversale alpina più alta di tutta Europa e di una delle ferrovie ad aderenza naturale più ripide al mondo.
Entrambe le ferrovie collegano l'Engadina al turismo internazionale e costituiscono esse stesse un'attrazione turistica.
Il comprensorio originario del bene proposto per la nomina era limitato al territorio elvetico e comprendeva il territorio attraversato dalla Ferrovia retica da Thusis fino a Campocologno.
In seguito a contatti diplomatici tra la Svizzera e l'Italia, nonché all'intervento di ProVinea, responsabile per il tratto italiano della candidatura, si è riusciti a estendere il comprensorio fino al capolinea di Tirano. La linea del Bernina (Saint Moritz - Tirano) fa quindi parte in tutta la sua lunghezza della candidatura.
Con il coinvolgimento dell'Italia, la candidatura viene valorizzata quale progetto transnazionale aumentandone notevolmente le possibilità di successo.
La candidatura, viene sostenuta congiuntamente da Svizzera e Italia e permetterà di rinsaldare i legami tra i due paesi creando nuove sinergie di grande utilità per la conservazione del comune patrimonio culturale.
Il 1° giugno 2006 la candidatura transnazionale, per quanto concerne la tratta che si svolge in territorio italiano, è stata inclusa dall'Ufficio Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali nella LISTA PROPOSITIVA ITALIANA (tentative list) depositata presso l'UNESCO.
Il dossier, inoltrato nel settembre del 2006 per un esame preliminare formale, è stato adeguato sulla base dei feedback. È stato approfondito in modo particolare il capitolo concernente il "confronto con ferrovie conosciute a livello mondiale". Il progetto è quindi diventato un dossier che comprende 700 pagine, mentre il piano di gestione è stato elaborato in base alle direttive dell'UNESCO e comprende 80 pagine.
Il 21 dicembre 2006 il dossier definitivo, rielaborato, è stato consegnato, alla presenza dei delegati permanenti della Svizzera e dell'Italia e degli ambasciatori Ernst Iten e Giuseppe Moscato, al Centro del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO di Parigi insieme ai rappresentanti di Ferrovia retica, Cantone dei Grigioni e Confederazione Elvetica.
Gli organi dell'UNESCO faranno valutare il progetto 2007 da esperti. Le raccomandazioni di questi esperti costituiranno altri criteri per la seduta decisiva del Comitato del Patrimonio Mondiale nell'estate del 2008.

Scarichi l'IDENTIFICAZIONE DELL'AREA, l'ultimo COMUNICATO STAMPA e l'ultima NEWSLETTER in formato pdf.

Link
www.unesco.org - UNESCO
www.unesco.ch - Commissione Svizzera per l'UNESCO
www.unesco.it - Commissione Nazionale Italiana UNESCO
www.rhb-unesco.ch - Candidatura UNESCO Ferrovia Retica
www.bak.admin.ch - Ufficio federale della cultura
www.gr.ch - Cantone dei Grigioni
www.rhb.ch - Ferrovia Retica
www.comune.tirano.so.it - Comune di Tirano


  Designed by ValtNet ValtNet 2007 - 2017 Codice fiscale 93014480144